Alla scoperta di Maratona


Maratona è un caso interessante: famosa in tutto il mondo per la sua storia legata alla regina degli sport, completamente ignorata dai turisti che visitano Atene. È vero che la città in sé non ha molto da offrire, ma ci sono più di un paio di cose interessanti da visitare e tra queste una decisamente particolare, un tempio dedicato agli dei Egizi! Ci sarebbe anche una delle spiagge più belle della zona, però…

Arrivando da Ramnunte passiamo a controllare la spiaggia di Schinià. Si tratta di un posto veramente particolare, un parco naturale con alberi rari e una spiaggia stupenda, dove però è vietato pernottare, come in tutti i parchi naturali in Grecia e di giorno ci va mezza Atene. L’ultima volta che ci eravamo passati, era pieno Agosto e il boschetto si era trasformato in un campo zingari, alla faccia dei divieti…
Comunque un po’ fuori stagione rimane una spiaggia perfetta per fermarsi a fare un bagno. Una delle entrate migliori per arrivare alla spiaggia è quella che porta alla taverna Delfini [38.14306, 24.04004]

Greece, Attica, Schinia beach

Andiamo poi a visitare il sito del Trofeo degli Ateniesi [38.14104,24.00074], una colonna di più di 10 metri innalzata in occasione della vittoria degli Ateniesi della famosa battaglia di Maratona. La colonna c’è ma è una replica riposizionata in occasione delle olimpiadi del 2004. I resti della antica colonna si trovano al museo archeologico di Maratona. Considerando che c’è anche poco spazio per parcheggiare, direi che non si tratta di una cosa da non perdere. Si vede bene anche dalla strada per cui se siete vicini, potete passarci davanti e decidere se fermarvi o no.

Greece, Marathon, Trophy of the Athenians
fhftjhtGreece, Marathon, Trophy of the AtheniansGreece, Marathon, Trophy of the Athenians

Usciamo sulla strada principale e giriamo a destra per andare a vedere il chilometro zero [38.15267,23.96105], il punto da cui parte la maratone ufficiale. Anche qui non è che ci sia molto da vedere, però dagli appassionati è considerato un luogo sacro 🙂

Greece, Marathon, Stadium - KM 0
Greece, Marathon, Stadium - KM 0Greece, Marathon, Stadium - KM 0

Ci lasciamo lo stadio alle spalle e ci spostiamo al museo archeologico [38.12212,23.94759]. In posizione non proprio centralissima, ma comunque con un parcheggio decente per fermarcisi. L’entrata costa 3€ e nel biglietto è compresa la entrata al sito del Soros, o Tomba degli Ateniesi, che visiteremo dopo. Le prima sala non espone niente di particolarmente originale, già la seconda comincia a essere più interessante…

Greece, Archaeological Museum of MarathonGreece, Archaeological Museum of Marathon

La vera sorpresa arriva entrando nella sala seguente dove, con un illuminazione atmosferica, ci si trova davanti a delle statue che sono evidentemente di stile egizio. Egizio? Veniamo così a sapere che poco lontano è stato trovato un tempio del periodo romano, dedicato agli dei egizi, dal quale provengono le statue che stiamo vedendo, che il sito è visitabile e che gli originali sono stati sostituiti con delle repliche.

Greece, Archaeological Museum of Marathon
Greece, Archaeological Museum of MarathonGreece, Archaeological Museum of MarathonGreece, Archaeological Museum of Marathon

Nella prossima sala ci troviamo davanti all’enorme capitello e i pochi resti del Trofeo originale, e uscendo andiamo a visitare in un edificio vicino gli scavi di un cimitero medio-ellenico.

Greece, Archaeological Museum of Marathon
Greece, Archaeological Museum of MarathonGreece, Archaeological Museum of Marathon

Finalmente soddisfatti da quello che avevamo visto e dalla scoperta del tempio egizio, ci rechiamo a visitare il Timvos di Maratona, o Soros, o Tomba degli Ateniesi. Il parcheggio è spazioso [38.11665,23.97731], ma non mi ci fermerei per la notte, vetri di bottiglia per terra e segni di pneumatici parlano chiaro.
Qui la visita dura poco, da vedere c’è solo la stele commemorativa e una collinetta, il Soros, dove sono sepolti i 192 soldati ateniesi morti combattendo contro i persiani. Peccato che non si possa entrare…

Greece, Marathon, Tumulus of Marathon
Greece, Marathon, Tumulus of MarathonGreece, Marathon, Tumulus of Marathon
Greece, Marathon, Tumulus of Marathon

Andiamo alla ricerca del tempio egizio di Brexisa, seguiamo le indicazioni che ci hanno dato e continuando sulla strada principale verso Nea Makri, svoltiamo a destra dopo il Lidl, facciamo un’inversione a U e rientriamo sulla strada principale tornado verso Maratona, al primo semaforo si svolta a destra e si seguono le indicazioni fino ad arrivare alla fine della strada, dove si può parcheggiare [38.10071, 23.97921]. A questo punto si scende fino alla spiaggia e si gira a sinistra, superando la chiesetta e dopo poche decine di metri, tra la spiaggia e i grossi alberghi, si trova l’entrata al tempio (gratuita).

Greece, Brexiza, Temple of the Egyptian godsGreece, Brexiza, Temple of the Egyptian gods

Tutti i siti archeologici di Maratona sono aperti tutti i giorni dal mattino fino alle 15.00, eccetto al lunedi. In estate l’orario è esteso anche al pomeriggio ma può cambiare da sito a sito.

Greece, Brexiza, Temple of the Egyptian gods
Greece, Brexiza, Temple of the Egyptian godsGreece, Brexiza, Temple of the Egyptian godsGreece, Brexiza, Temple of the Egyptian gods
Greece, Brexiza, Temple of the Egyptian gods
Greece, Brexiza, Temple of the Egyptian gods

Ramnunte (Rhamnous)
Lavrio e dintorni
Condividi questo post
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

2 thoughts on “Alla scoperta di Maratona

  1. complimenti per la chiarezza sulla regolamentazione della sosta dei camper in libero …
    siamo in Grecia da due mesi con il nostro camper e ci pare di registrare una certa recrudescenza quest’anno da parte della port police per la sosta in libero … nella Messenia (zona da Kalo Nero a Methoni) sono già venuti tre volte a dirci di sgomberare …! niente sedie o altro da parte nostra).
    Abbiamo obiettato che i camper sono veicoli e possono sostare, ma ci ribattono che va bene di giorno … ma di notte devone essere vuoti, se qualcuno dorme a bordo per loro è campeggio.
    Per carità … in Italia in certe zone è anche peggio quanto ad inventiva locale per cacciare i camperisti …
    Però veniamo qui da più di 2 anni proprio perchè era una meraviglia! Ed i loro uffici turistici … meglio mettere una pietra sopra.
    Avrebbe qualche idea? Ancora complimenti ed auguri!
    Federico Bozzalla

    • Grazie per le informazioni e i complimenti 😉
      La maggior parte dei problemi sono proprio in quella zona, dove il capo della polizia locale gioca a fare lo sceriffo all’americana… peccato che degli ignoranti come lui, approfittino del potere che hanno per rovinare la vita aglia altri…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *