Ramnunte (Rhamnous)


A pochi chilometri da Atene, appena sopra a Maratona, si trova un sito archeologico che vi farà sentire come Indiana Jones alla ricerca del tesoro. Un percorso di una ventina di minuti, scendendo una piccola valle, offre quasi a ogni curva una scoperta entusiasmante. Il punto sosta sulla poco lontana e tranquilla spiaggia di Sesi è l’ideale per poter visitare il sito di prima mattina.

Usciamo dal traffico di Atene per andare a visitare Maratona e dintorni, essendo però già tardi per i siti archeologici preferiamo andare a sistemarci sulla spiaggia di Sesi [38.24234, 24.00226] che ho individuato su googlemap e aspettare l’indomani per cominciare la nostra giornata visitando il sito di Rhamnous, di cui sappiamo veramente poco. Passiamo davanti al sito per assicurarci che sarà aperto e fidandomi del navigatore, proseguo per la strada sterrata per arrivare alla nostra destinazione. La scorciatoia fa risparmiare 6 chilometri, però le condizioni non sono proprio le più indicate da fare in camper.

Greece, Attica, Ramnous archaelogical site

Arrivando alla svolta per la spiaggia fare molto attenzione perchè l’ultimo tratto di discesa è particolarmente ripido ed è facile toccare sotto quando si arriva in piano. Arrivando sulla spiaggia si vedono subito le docce, con comodo rubinetto per riempire il serbatoio, se dovesse servire.
Mare splendido e notte tranquilla…

Greece, Attica, Ramnous archaelogical site

Colazione presto e ripartiamo per tornare al sito di Ramnunte [38.21558, 24.02791] scegliendo questa volta il giro più lungo, ma asfaltato; molto meglio, decisamente non vale la pena di fare lo sterrato per accorciare. Arriviamo alle 8.30 e siamo, come era prevedibile, i primi visitatori. Non c’è molto spazio per parcheggiare, per cui lasciamo il camper in modo da non farci chiudere dai prossimi venuti.
L’entrata costa 2€ e servono assolutamente delle scarpe chiuse e una bottiglia d’acqua per il percorso, che parte dopo il chiosco dove si fanno i biglietti, sulla sinistra. Fatte poche decine di metri si incontra una tomba circolare a forma di cisterna, proseguendo si comincia a seguire le mura antiche della città di Ramnunte…

Greece, Attica, Ramnous archaelogical site

Proseguendo la passeggiata si arriva al tempio di Nemesi o meglio, a quello che ne rimane dopo la furia distruttiva dal fanatismo cristiano nel IVsec. d.C. Però, la posizione, le dimensioni e soprattutto il fatto che il santuario non sia recintato, ma aperto ai visitatori, lo rende particolarmente piacevole da visitare, tutto sommato qui è nato il culto di Nemesi, dea della distribuzione della giustizia divina!

Greece, Attica, Ramnous archaelogical site
Greece, Attica, Ramnous archaelogical site
Greece, Attica, Ramnous archaelogical siteGreece, Attica, Ramnous archaelogical site
Greece, Attica, Ramnous archaelogical site

Ci lasciamo il tempio alle spalle e proseguiamo, sempre seguendo le mura e sempre più in discesa…

Greece, Attica, Ramnous archaelogical site
Greece, Attica, Ramnous archaelogical site

…arriviamo a un cancello con un cartello che vieta il passaggio, ma è aperto e continuiamo la discesa che diventa un sentiero stretto e abbastanza ripido. Poche decine di metri e rimaniamo a bocca aperta per lo spettacolo…

Greece, Attica, Ramnous archaelogical siteGreece, Attica, Ramnous archaelogical siteGreece, Attica, Ramnous archaelogical site

.. chiudiamo la bocca, anche per evitare di mangiare le ragnatele che incontriamo sul percorso, essendo noi i primi a passare per la giornata e proseguiamo fino a raggiungere la fortezza antica. Il caldo si fa già sentire e per fortuna che siamo venuti al mattino presto…

Greece, Attica, Ramnous archaelogical site
Greece, Attica, Ramnous archaelogical site
Greece, Attica, Ramnous archaelogical siteGreece, Attica, Ramnous archaelogical site
Greece, Attica, Ramnous archaelogical site

Gironzoliamo un po’ tra i resti della fortezza antica, abitata fin dal periodo neolitico proprio per la sua posizione strategica importantissima. Poi riprendiamo il sentiero per risalire. È una bella salita, però non molto lunga. In una decina di minuti si ritorna fino al tempio di Nemesi e da lì è tutta in piano. Siamo veramente soddisfatti, due ore spese bene… che bel modo di cominciare una giornata! 🙂

Atene, la Gliptoteca Nazionale e una sosta super!
Alla scoperta di Maratona
Condividi questo post
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *