Laganas: Inferno o Paradiso? (video)

laganas_00
zante_sudDestinazione classica dei giovani, soprattutto inglesi, ma in agosto è meta anche di tanti italiani. C’è chi dice di aver fatto le più belle vacanze della sua vita a Laganas. Clubs, musica, alcol a litri, sesso facile e libertino… un paradiso per i giovani, un inferno per i loro genitori… se solo sapessero 😉

I charter atterrano uno dopo l’altro scaricando ognuno centinaia di ragazzini, che è evidente non sono arrivati attirati dalle tartarughe. L’età media si aggira intorno ai 18 anni. E’ esattamente il tipo di posto che noi di solito evitiamo come la peste: turismo di massa, servizi mediocri, tutto gira intorno al divertimento artificiale, quello costruito dall’industria del turismo. Noi però non siamo venuti a divertirci, siamo qui proprio per capire come funziona questo tipo di turismo per un nostro progetto documentaristico, ‘obbligati’ a starci per almeno 4/5 giorni.
La prima impressione, decisamente negativa, cambia nel giro di meno di 24 ore. Si ok, è lo sfruttamento dei turisti, sono carne da macello per gli imprenditori locali e stranieri che ci guadagnano sopra, però mi rendo conto di un particolare importante: questi ragazzi si divertono davvero! Hanno tutto quello che si erano immaginati prima di partire e forse anche di più. Di fatto sono anche un po’ geloso. Dov’erano i posti come questo ai miei tempi?

La strada pricipale è un susseguirsi di clubs e pubs tra i quali spuntano vari negozi di alcolici, ambulatori aperti 24 ore, laboratori per piercing e tatuaggi, negozi di costumi per le feste a tema, molto in voga e un paio di fast food. Il resto dell’offerta ristoratoria è sparsa nelle stradine secondarie. Verso le sei di pomeriggio comincia il movimento. Molti comprano addirittura una ‘gita’ organizzata che offre un giro dei locali ‘migliori’ con free drinks inclusi! Si va in crescendo fino all’alba, quando si ritirano tutti verso gli alberghi, qualcuno a fatica, qualcuno preferisce sdraiarsi in spiaggia per riprendersi un po’. Al mattino la strada centrale è praticamente deserta, così come la spiaggia, a parte i corpi sparsi e qualche coppietta che sta ancora ‘chiaccherando’ 😉
Ci è stato detto che spesso i turisti non sanno neanche di essere in Grecia, tanto meno di essere a Zante. Per quello che gli interessa, sono nel parco divertimenti che si chiama Laganas.

Un paio di informazioni pratiche: noi abbiamo dormito senza problemi, a parte un po’ di rumore, parcheggiando nelle stradine secondarie, vedi la mappa sotto, e l’acqua l’abbiamo trovata a 4 chilometri a nord, davanti alla chiesa del paesino Pantokratoras.

Info Box
  • Zante e in particolare la baia di Laganas sono famose per la presenza di tartarughe di mare (Caretta Caretta).
  • Nel porticciolo di Laganas è ospite fissa una tartaruga di nome Sotiris.
  • D’inverno il posto si trasforma in una vera e propria città fantasma.


Ingrandisci la mappa

Corinto: dove le navi passano sopra ai ponti... (video)
Vravrona: a casa di Artemide
Condividi questo post
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *