La Città del Diavolo


europe_serbiaEra da tempo che volevamo visitare questa mini Cappadocia, a pochi chilometri dalla strada che facciamo solitamente per andare alla Grecia all’Italia. Non ci eravamo mai riusciti a causa del brutto tempo che di solito ci accompagna durante questo percorso. Questa volta finalmente…

Ci svegliamo a Prokuplje, dove abbiamo pernottato nel parcheggio del centro sportivo. Questa volta il tempo è incoraggiante, così dopo aver fatto colazione, partiamo in direzione Djavolja Varos, che avevo approssimativamente localizzato su googlemap.
La strada per arrivarci è quella che porta a Pristina, non c’è molo traffico ed è un collage di colori diversi di asfalto.
Usciamo dalla strada principale, seguendo il navigatore, confermato dalle indicazioni e seguiamo una strada che diventa sempre più stretta, in salita e tortuosa, alla fine della quale si apre uno spiazzo che è il parcheggio del parco della Città del Diavolo [42.98781,21.39350]. In tutto 65 chilometri da Prokuplje.

Serbia, Djavolja Varos (Devil's Town)

Non ci sono molti visitatori, il parcheggio è piuttosto sporco e il posto sembra un po’ trasandato e decadente, però non ci lasciamo influenzare.
L’entrata costa 350 dinari a testa, 3euro, e il parco è aperto dalle 9.00 alle 18.30 e in occasioni particolari o su prenotazione di gruppi, rimane aperto anche alla sera con spettacolo di luci colorate.

Il percorso all’interno del parco è di 850 metri, però c’è parecchia salita, consigliate scarpe da montagna e bottiglia d’acqua.

Serbia, Djavolja Varos (Devil's Town)Serbia, Djavolja Varos (Devil's Town)

Superate le sculture moderne all’inizio del sentiero, si arriva in pochi minuti al pozzo rosso, ex miniera di zolfo. Proseguendo lungo il fiume i colori diventano sempre più interessanti e fuori dal normale.

Serbia, Djavolja Varos (Devil's Town)Serbia, Djavolja Varos (Devil's Town)
Serbia, Djavolja Varos (Devil's Town)

Si prende poi la salita per arrivare alle rocce e poter ammirare questo strano gioco della natura, che ha fatto nascere varie leggende, da cui il nome del parco.

Serbia, Djavolja Varos (Devil's Town)
Serbia, Djavolja Varos (Devil's Town)Serbia, Djavolja Varos (Devil's Town)Serbia, Djavolja Varos (Devil's Town)
Serbia, Djavolja Varos (Devil's Town)
Serbia, Djavolja Varos (Devil's Town)Serbia, Djavolja Varos (Devil's Town)
Serbia, Djavolja Varos (Devil's Town)

Non è una delle sette meraviglie del mondo, anche se è arrivata vicina alla finale per le nuove meraviglie mondiali della natura, ma passandoci vicino sarebbe un peccato non fare la deviazione. Per chi si trova in zona nel pomeriggio, il parcheggio del parco può essere un buon punto sosta per pernottare e visitarlo al mattino… purchè non abbiate paura del diavolo 😉

Grecia Italia via Sarajevo
Saluti da Rimini
Condividi questo post
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *